Intervistiamo il clan #1: l’uomo del momento!

Crogiolo, Prove di Osiride e Mitoclasta. In comune, un solo nome: Casalka.

“Da quando ho scoperto le Prove di Osiride, ho un motivo più per giocare, ma la cosa che mi fa girare è che va in errore, crasha, vengo bannato, e da scemo continuo a farle” – Casalka

Buonasera ragazzi e benvenuti in questo nuovo format! Come anticipato nell’episodio 12 del diario di Clan, questo è il primo di una lunga serie di interviste ai membri del nostro amatissimo Clan Bad Habits, ma bando alle ciance e ciancio alle bande! Andiamo a conoscere meglio il nostro Casalka.

Si chiama Davide, è un amante del PvP, ed abita ormai nelle Prove di Osiride. Abbiamo fatto una chiacchierata andando a toccare sia il Clan sia il gioco, cosa avrà mai da dirci il nostro Casalka?

“Allora Casalka, cosa ti piace di Destiny 2?”

“Di Destiny mi piace il fatto che sia un open world, ha al suo interno vari mondi che vengono aggiunti o modificati nel tempo. È diverso da altri sparatutto: qui si ha il PvE, sparo e ammazzo contro il PC, ed è figo perché si ha voglia di mandare avanti le missioni per aumentare il pg, farmando in giro per il game per poi andare in competitive. A differenza di altri giochi è aggiornato continuamente a livello di Lore e contenuti, ed è una cosa molto apprezzabile.”

“E come ti trovi in clan?”

“In generale nel clan mi trovo bene dai. Con le giuste migliorie andrebbe alla grande.

“Se ti chiedessi di raccontare un aneddoto o un’esperienza di gioco?”

“In realtà non ho aneddoti per dare consigli su Destiny 2. Non saprei, una cosa comica con Destiny… già fa ridere che è pieno di bug! Ti racconto questo: sappiamo che Destiny ha degli errori, dei bug. Da quando ho scoperto le Prove di Osiride ho un motivo più per giocare e non mi stacco, però mi fa sclerare quando, di punto in bianco, va in errore e crasha. Io vengo bannato per un certo periodo di tempo, ma da scemo continuo a giocare alle Prove. Sebbene il gioco pecchi a livello di sviluppo, continuo a giocare anche se smadonno per i crash, e non cambio gioco. Voglio soffrire, morire e smadonnare. Questa è la mia vita, e basta. Ah, e dormire e mangiare, ovviamente.”

“Cosa diresti ad un altro giocatore come te che non conosce D2 e/o non gioca in clan?”

“Questa è una bella domanda. Destiny non è un battle royal, con il solito imprinting. Ci sono varie modalità, azzardo, crogiolo, assalti etc, ognuna con le proprie meccaniche di gioco; ha una storia che viene mandata costantemente avanti, non è un CoD con la campagna e che vive di multiplayer. Destiny è un gioco che va avanti negli anni, anche se, come accennato prima, pecca a livella di sviluppo. I contenuti che ha al suo interno competono bene con altri sparatutto. Per il discorso del clan, noi Bad Habits siamo una banda variegata, che ti lascia dentro quella cosa che se te ne vai vuoi solo tornare.”

“Questo sì che è un pensiero dolce! Visto che la breve intervista è finita vuoi salutare qualcuno?”

“È già finito il momento di essere famoso?! Voglio salutare chi ci segue da casa, tutti quelli che mi seguono, i miei stalker!”

L’intervista del nostro Davide, alias Casalka, finisce qui, e lo ringraziamo di cuore per averci concesso di conoscere meglio lui e i suoi punti di vista!
La prossima settimana andremo a conoscere un uomo dai mille talenti, amante dei gatti e dei GDR. Per scoprire di chi stiamo parlando, non perdetevi il prossimo articolo!

#staytuned
Neomeris, il bardo